Storia in cronaca dei paesi della Valle del Sagittario dal 1986 al 1987

di Roberto Grossi

| #63 ◄ | Articolo #64 | ► #65 | Elenco (75) |
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi via eMail Condividi via WhatsApp
#64 - 25/02/2020
L'Abruzzo miete successi alla Fiera del turismo di Bari<br />
Scanno entusiasma l'Expò con merletti e buona tavola<br />
(15/04/1987)

L'Abruzzo miete successi alla Fiera del turismo di Bari
Scanno entusiasma l'Expò con merletti e buona tavola
(15/04/1987)

SCANNO - L'iniziativa della regione Abruzzo di partecipare all'Expò Levante '87, svoltosi a Bari nei primi giorni del mese, secondo Cesidio Silla, direttore dell'azienda di soggiorno e turismo di Scanno, che ne ha curato la realizzazione, ha riscosso un grosso successo e, soprattutto, e stata notevole la richiesta turistica.
Lo stand dell'Abruzzo, in cui facevano bella mostra insieme alle immagini del mare, dei monti, dei laghi, i prodotti tipici dell'artigianato e della produzione vinicola, casearia e dolciaria, è stato uno dei più visitati. Molto apprezzato e fotografato è stato il costume femminile di Scanno, che ha suscitato particolare interesse, perché ancora indossato dalle donne scannesi.
Al Tour info-bit, in cui c'è stata l'offerta turistica della regioni meridionali, è intervenuto anche l'assessore regionale al Turismo, Attilio D'Amico, che ha illustrato agli operatori italiani e stranieri le caratteristiche e i programmi del turismo abruzzese, mentre su un vasto schermo venivano
proiettate in multivision le immagini turistiche dell'Abruzzo.
Alla contrattazione, con i numerosi agenti di tutto il mondo, hanno partecipato per Scanno la Cotas (Cooperativa Operatori Turistici Alto Sagittario), l'Hotel Paradiso e la Cooperativa Centauria. Per la serata gastronomica all'hotel Palace di Bari, l'hotel Millepini di Scanno ha rappresentato la nostra regione. La signora Aida, proprietaria dell'albergo, ha cucinato per gli ospiti il rinomato «zuppettone», un piatto caratteristico a base di carne di capretto, che viene messa a rosolare a pezzetti, con olio, aglio e cipolla dentro un tegame di terracotta. Appena rosolata vi si aggiunge dell'acqua calda per la cottura definitiva. Pochi minuti prima di servire, vanno calate nell'acqua in bollitura le uova sbattute insieme al parmigiano. Lo «zuppettone» va gustato con pane abbrustolito, possibilmente al fuoco di legna.
Sono state offerte poi altre specialità tipiche, come le costolette di agnello alla griglia, gli affettati e i formaggi abruzzesi. I dolci sono stati quelli tradizionali di Scanno: mostacciole e pan dell'orso. Il tutto annaffiato sontuosamente dai vini Citra e Duchi di Castelluccio.

dal Quotidiano "il Centro" del 15 Aprile 1987

| #63 ◄ | Articolo #64 | ► #65 | Elenco (75) |
Condividi il blog: Storia in cronaca dei paesi della Valle del Sagittario dal 1986 al 1987
Condividi su Facebook

Condividi su Twitter

Condividi via e-Mail

Condividi via WhatsApp