Storia in cronaca dei paesi della Valle del Sagittario dal 1986 al 1987

di Roberto Grossi

| #60 ◄ | Articolo #61 | ► #62 | Elenco (75) |
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi via eMail Condividi via WhatsApp
#61 - 15/02/2020
Dibattito pubblico organizzato dal Pci<br />
«Il primo obiettivo è la tutela di Scanno»<br />
(08/04/1987)

Dibattito pubblico organizzato dal Pci
«Il primo obiettivo è la tutela di Scanno»
(08/04/1987)

SCANNO - Scanno, per la sua storia, per le sue capacità turistiche, deve essere salvaguardata, politicamente e ad ogni livello. Questo è quanto emerso dal dibattito pubblico, organizzato dalla sezione di Scanno del Pci, sui temi della strada variante all'abitato di Anversa, del metano a Scanno e delle Apt, le aziende di promozione turistica. Sono intervenuti Franco Cicerone, consigliere regionale del Pci; Domenico Neri, sindaco di Pescasseroli; Pasquale D'Alberto, responsabile di zona del Pci.
Nella sua relazione introduttiva, Pietro Spacone, vicesegretario della sezione del Pci, ha criticato l'attuale amministrazione comunale, a maggioranza Dc, sostenendo che è continuamente disattenta alle aspettative reali del paese e poco costruttiva per il futuro di Scanno. Molti problemi, secondo Spacone, sono stati risolti per l'apporto del Pci, che è stato sempre sollecito a prospettarli e a lavorare per le risoluzioni.
Per quanto riguarda la strada variante ad Anversa il Pci ritiene necessaria una soluzione immediata che tenga conto delle esigenze di tutti i paesi interessati. Su questo problema è intervenuto il vice sindaco di Anversa, dichiarando che il suo paese non è contrario alla variante, ma al progetto presentato dall'Anas, che non ha tenuto conto né delle considerazioni che l'amministrazione più volte le ha prospettato, né, tantomeno, della salvaguardia delle gole del Sagittario.
Si è ribadito che bisogna trovare al più presto la soluzione più idonea e questa potrebbe essere la costruzione, prospettata da alcuni cittadini di Scanno, di una galleria che dallo svincolo autostradale di Cocullo, porti direttamente a Villalago. In questo modo, è stato detto, si salvaguarderebbero sia le Gole del Sagittario, sia l'incolumità dei cittadini, costretti a percorrere una strada in più punti pericolante e soggetta alla caduta dei massi.
Sul tema delle Apt, lo stesso Cicerone ha riconosciuto la validità delle aspirazioni di Scanno a mantenere una sede propria. Questo è stato sottolineato anche dall'intervento del sindaco di Scanno, quando' ha sostenuto che nell'approvazione della riforma degli enti turistici, la regione dovrà tener conto di quelle aziende che hanno una storia e una professionalità, e considerare che Scanno ha un territorio del tutto differente da quello della comunità montana peligna a cui appartiene.
Riguardo al problema del metano, il sindaco di Pescasseroli ha riferito che nell'ultima riunione per il costituente consorzio dei paesi abruzzesi situati nel parco, è stata definita la bozza dello statuto, che dovrà essere sottoposta, entro breve termine, all'approvazione dei singoli consigli comunali.

dal Quotidiano "il Centro" dell'8 Aprile 1987

| #60 ◄ | Articolo #61 | ► #62 | Elenco (75) |
Condividi il blog: Storia in cronaca dei paesi della Valle del Sagittario dal 1986 al 1987
Condividi su Facebook

Condividi su Twitter

Condividi via e-Mail

Condividi via WhatsApp